Pubblicazioni

Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management
Fondata e diretta da Donato A. Limone

La "Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management" è un periodico totalmente digitale, accessibile e fruibile gratuitamente, che ha lo scopo di trattare le diverse tematiche giuridiche, economiche e manageriali, ...

Per scaricare tutti in numeri della rivista clicca qui.

 


 

eJustice amministrativa in Europa
Isegorìa (peer review)
Collana di Scienze politiche, giuridiche e dell’amministrazione
Marco Mancarella (a cura di)

ISBN: 9788864580210, Dicembre 2010, Pagine: 247

L’eJustice amministrativa rientra nel più ampio processo di digitalizzazione dell’Amministrazione, letto attraverso l’evoluzione del rapporto tra Stato e cittadini, Amministrazione Pubblica e privati. Tale rapporto è storicamente caratterizzato da una conflittualità intrinseca, tra due centri d’interesse, due poli considerati irriducibili tra di loro perché retti da principi diversi. Se per il pubblico il diritto svolge una funzione positiva di direzione e di comando, per il privato, cittadino o impresa, il diritto pone solo un fine esterno. Al primo tutto è vietato, salvo ciò che è espressamente consentito; al secondo tutto è consentito, salvo ciò che è espressamente vietato. La crescente complessità sociale impone, pertanto, un ripensamento profondo del modo di operare delle Amministrazioni, che porti ad un graduale e progressivo coinvolgimento degli utenti, attraverso un utilizzo razionale e non dispersivo delle nuove tecnologie. Oggi, l’eGovernment applicato ai vari comparti (Giustizia, Sanità, Enti Locali, ecc.) rivela potenzialità sinora solo parzialmente sperimentate. La strada tracciata, dunque, sia a livello nazionale che internazionale, è quella che condurrà nei prossimi anni all’affermazione di un nuovo concetto, quello di “Stato virtuale”, ovvero un Governo organizzato in modo crescente in termini di agenzie virtuali e network pubblico-privati, la cui struttura dipende da internet e dal web. Il settore Giustizia non può e non deve arretrarsi in questo processo innovativo, soprattutto per ciò che attiene il Processo amministrativo. Digitalizzare realmente la Giustizia amministrativa vorrà dire, nel medio termine, abbreviare la durata dei procedimenti giudiziali e giungere ad un sensibile risparmio di denaro pubblico. Il testo realizza, dunque, una fotografia dello stato di avanzamento dell’eJustice amministrativa in alcuni paesi europei, sottolineandone punti di forza legislativi e best practice. Il fine è quello di fornire al lettore un agile strumento di riflessione su ciò che oggi è e, soprattutto, su ciò che potrebbe divenire a breve l’eJustice amministrativa in Europa.

Indice
Introduzione di Marco Mancarella

Capitolo I
Il processo amministrativo telematico in Italia.
Francesco Brugaletta

Capitolo II
L’Informatica nel Codice del Processo Amministrativo: un’occasione (perduta?) per il reale avvio del processo telematico.
Marco Mancarella

Capitolo III
L’eJustice nella giustizia amministrativa francese.
Jean-Michel Dubois-Verdier e Antoine Errera

Capitolo IV
Il sistema burocratico post-weberiano della giustizia.
Elementi per una policy dell’eJustice amministrativa in Spagna.
Gianpasquale Preite e Josep Cañabate Pérez

Capitolo V
Le corti amministrative greche sulla via dell’eJustice.
Panagiotis Kitsos e Paraskevi Pappa

Capitolo VI
L’eJustice amministrativa nel settore dell’energia in Grecia. Le gare telematiche condotte dai gestori delle reti.
Teodoro Panagos

Appendice
Piano d’azione riguardante la giustizia elettronica “Verso una strategia europea in materia di giustizia elettronica”(Comunicazione Consiglio dell’Unione europea n. 11330/08).

Piano d’azione pluriennale 2009-2013 in materia di Giustizia elettronica europea (Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 31.3.2009).

Clicca qui per maggiori informazioni 

 

 


Rivista elettronica di Diritto, Economia, Management
Fondata e diretta da Donato A. Limone

Numero 1 - 2010
Società dell’Informazione (1990-2010)

Clicca qui per scaricare la rivista in formato PDF

 

  

 


Politica e tecnologie
Spazio pubblico e privato della conoscenza
nella società dell'informazione
Collana di studi e ricerche sulla cittadinanza digitale
Gianpasquale Preite

La centralità della nuova rivoluzione tecnologica risiede nelle potenzialità di interazione e comunicazione che definiscono le modalità di gestione della conoscenza. Sempre più spesso, infatti, le ICTs si configurano quali tecnologie di mediazione tra individui e mercato, tra mercato e imprese, tra organizzazioni e interlocutori privati e istituzionali. La natura ambivalente delle tecnologie comporta, tuttavia, la ricerca di un bilanciamento tra forze opposte e la definizione di soluzioni integrate che devono trovare sintesi nel riconoscimento del valore strategico della conoscenza, ancorché la gestione della conoscenza delinei una dimensione problematica ancora lontana dall’essere definita in un quadro organico. Gli argomenti affrontati in questa prima raccolta, non esaustivi del più ampio campo di indagine, mirano a cogliere i caratteri salienti del rapporto tra politica e tecnologie attraverso un confronto interdisciplinare sulle problematiche in fieri.

Carocci Editore, Roma 2010 • pp. 220  ISBN 9788843053988 - € 27,00

Indice
Introduzione di Gianpasquale Preite

Parte prima. Politiche pubbliche e conoscenza
1. Comunicazione pubblica, istituzioni e conoscenza di Gianpasquale Preite
2. La gestione dell’informazione e il sistema pubblico di connettività di Marco Mancarella
3. La formazione in rete nell’amministrazione digitale. Elementi per una policy dell’e-Learning di Donato A. Limone 

Parte seconda. Economia della conoscenza
4. Capitalismo cognitivo: il falso dilemma fra continuità e discontinuità di Carlo Formenti
5. Economia della conoscenza, apprendimento organizzativo e mediazione tecnologicadi Manola Mazzotta

Parte terza. Partecipazione democratica
6. La democratizzazione dell’informazione nell’era della globalizzazione di Ughetta Vergari
7. Le comunità virtuali. Aspetti informatico-giuridicidi Gianluigi Fioriglio 

Parte quarta. Scenari digitali e nuovi media
8. "Federica". Un approccio modulare allo studio fra weblearning e situated learning di Rosanna De Rosa
9. Media e politica: l’emittenza regionale pugliese di Alessia Mandato  

Clicca qui per maggiori informazioni 

 


Profili negoziali e organizzativi dell'amministrazione digitale
Marco Mancarella

Il testo intende affrontare talune tra le tematiche più attuali in tema di informatizzazione della Pubblica Amministrazione in Italia, al fine di evidenziarne aspetti positivi e aspetti problematici. Un’analisi dell’odierna azione pubblica digitale nello svolgimento sia di attività nelle quali ancora residuano forme di potere autoritativo, che di attività nelle quali l’Amministrazione agisce iure privatorum, ovvero ponendosi sul medesimo piano del privato.

Gli argomenti trattati sono strettamente connessi al contenuto di fondamentali atti normativi in tema di e-government vigenti nel nostro Paese, tra i quali a titolo esemplificativo: il DPR n. 445/2000 (Testo unico in materia di Documentazione Amministrativa), il DPR n. 101/2002 (Regolamento recante criteri e modalità per l’espletamento da parte delle Amministrazioni Pubbliche di procedure telematiche di acquisto per l’approvvigionamento di beni e servizi), il DLgs n. 82/2005 (Codice dell’Amministrazione Digitale), il DLgs n. 163/2006 (Codice dei Contratti Pubblici).

In base ai contributi dei vari Autori, si configura agli occhi del lettore uno scenario non più futuristico ma attuale di una Pubblica Amministrazione italiana in cammino. Questo testo intende costituire un utile ed agile strumento di lettura del cambiamento in atto.

Clicca qui per maggiori informazioni

 


Il riconoscimento biometrico
Sicurezza versus Privacy (seconda edizione)

Gianpasquale Preite

“Il riconoscimento biometrico. Sicurezza versus Privacy” costituisce senza dubbio uno dei pochi contributi sistematici alla biometria analizzata sotto l’aspetto politico, giuridico, tecnico ed etico. (…)

Il riconoscimento della persona attraverso le caratteristiche biometriche costituisce oggi tema particolarmente rilevante se lo si collega ai sistemi di autenticazione informatica, agli accessi, ai sistemi e ai servizi telematici, alla sicurezza delle transazioni elettroniche e al furto della identità personale. (…)

Il libro è una raccolta di “materiali” e “contributi” che si iscrive nell’ambito della letteratura ormai ampia sulla sicurezza informatica che viene a caratterizzare la società dell’informazione come un elemento intrinseco, necessario, indispensabile per la sua definizione stessa: senza sicurezza informatica non vi è società dell’informazione; (…)

Sotto il profilo metodologico è necessaria una riflessione più matura ed articolata sul tema della sicurezza e sul rapporto società dell’informazione-sicurezza. In questa direzione (ed è quella giusta) si è avviato l’autore di questo volume.

Clicca qui per maggiori informazioni

 


Turismatica: un nuovo paradigma della società dell’informazione
Donato Antonio Limone, Marco Mancarella,  Gianpasquale Preite (a cura di)

L’approccio al turismo, settore di particolare valore socio-economico, non può che essere di tipo "sistemico" e "integrato". La globalizzazione dei mercati e la telematica hanno introdotto processi di cambiamento e di innovazione radicale. Il settore turismo oggi ha bisogno di una programmazione politica profondamente diversa e basata su dati affidabili, completi, aggiornati, validati e certificati.

Il settore deve essere caratterizzato da una managerialità nuova più attenta alle politiche, ai mercati e alle esigenze della clientela senza perdere di vista i problemi connessi alla valorizzazione dell’ambiente e dei beni culturali. La turismatica è un insieme integrato di politiche, di banche dati e di servizi in rete senza i quali non è possibile sostenere e sviluppare il turismo. Le politiche pubbliche devono dedicare particolare attenzione alla formazione di un reticolo accessibile di banche dati e servizi per lo sviluppo sostenibile del turismo.
(dalla prefazione di Donato A. Limone)

[...] il faut préciser que la "Tourismatique" [...] permet de prendre en compte toutes ces évolutions en y intégrant les dimensions: développement durable, environnementales, éthiques. L’activité touristique ne doit pas être sous considérée. Il est dans bien des cas un des instruments de formation des citoyens à la culture et à l’histoire à la fois mondiale et nationale. Il permet désormais de mettre en valeur le patrimoine national et les échanges interculturels. Il est aussi une des richesses principales de nombreux Etats. Ceux-ci semblent l’avoir bien compris notamment les pays qui ont une grande tradition culturelle et historique [...] mais aussi des pays émergents qui souhaitent favoriser leur patrimoine culturel.
(dalla presentazione di Robert Etien)
ISBN: 9788861781948 - dicembre 2008 - pag. 409

Clicca qui per maggiori informazioni.