Seminario: Il regolamento edilizio sostenibile

Data: 
19/11/2010 - 09:00

Programma

L’edilizia sostenibile: aspetti normativi, prof. Donato A. Limone, ordinario di informatica giuridica e docente di scienza dell’amministrazione digitale, Università Unitelma-Sapienza, Roma; docente di informatica della P.A. e Direttore del laboratorio di eGovernment, università del Salento.

Il regolamento edilizio sostenibile, Architetto Antonella Perrone, Consulente energetico esperto CasaClima, Agenzia CasaClima di Bolzano; Certificatore energetico degli edifici accreditato dalla Regione Puglia;

L’edilizia digitale: strumenti e best practices per la sostenibilità, prof. Pasquale Luigi Di Viggiano, Componente del Consiglio scientifico del Laboratorio di eGovernment, Università del Salento.

Obiettivi: Come adottare un regolamento edilizio innovativo considerando aspetti tecnici, organizzativi, normativi.
· Principio informatore è: gli interventi di trasformazione degli spazi edificati e non, devono raggiungere i maggiori livelli di qualità energetico-ambientale possibili, compatibilmente con le conoscenze tecniche e le disponibilità tecnologiche locali
· L’obiettivo è: rendere sostenibili gli interventi relativamente alle esigenze antropiche, da un lato, e all’equilibrio delle risorse ambientali, dall’altro, nel rispetto degli obiettivi fissati dalla vigente legislazione, nazionale e regionale.

Saranno trattati, in particolare, i seguenti aspetti:
1. Edilizio – giuridici e tecnico costruttivi
Il regolamento edilizio sostenibile contiene aspetti progettuali che devono essere adeguati alle nuove normative, in particolare dalla L.10/91 ai D.Lgs 192/05, 311/06, D.P.R. 59/09. E’ evidente che l’applicazione delle norme deve passare attraverso l’esercizio di nuove tecniche costruttive, la rimodulazione dei regolamenti edilizi e l’introduzione di direttive tecniche che anticipino e guidino i percorsi progettuali prevedendo:
· Disposizioni di carattere generale;
· Prestazioni di contesto (ambientali e paesaggistiche);
· Prestazioni dell’edificio (risparmio, benessere, sicurezza, ecc.);
· Efficienza degli impianti;
· Utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili;
· Regime delle certificazioni.

La riflessione, inizialmente di carattere generale, punterà a considerare le peculiarità di questa materia nella  legislazione regionale e le sue applicazioni nei Comuni pugliesi.
2. Urbanistico - amministrativi
Per raggiungere in tempi brevi gli obiettivi energetici richiesti dalle norme e dai protocolli del settore è necessario che le Autonomie Locali si attivino per individuare celermente elementi incentivanti e/o sanzionatori che motivino e indirizzino le scelte costruttive pubbliche e private verso il risparmio energetico e verso la richiesta/offerta di case certificate. Questa prospettiva impegna i decisori politici ad elaborare ed adottare regolamenti per il costruire sostenibile.
3.Aspetti esecutivi
Il regolamento edilizio sostenibile deve contenere le procedure amministrative, i metodi costruttivi e di certificazione che i Comuni impongono per il raggiungimento degli obiettivi attraverso l’applicazione delle norme regionali e nazionali.
Detto strumento tecnico-normativo dovrà obbligare, coinvolgere e stimolare Committenti e Imprese di costruzione attraverso l’individuazione di sanzioni, ma anche di incentivi e/o deroghe urbanistiche.
Nel merito. Lo strumento edilizio dovrà indicare i principali contenuti circa i requisiti delle costruzioni in ordine all’efficienza energetica ed alla sostenibilità ambientale oltre a prevedere sistemi di gestione, di monitoraggio e di controllo per la sua corretta applicazione.
4) Strumenti e best practices per la sostenibilità edilizia
Come organizzare una PAL al fine di utilizzare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione per una edilizia sostenibile.

Destinatari: Amministratori locali, Responsabili degli Uffici tecnici; Responsabili dei sistemi informativi automatizzati.

L'attività è realizzata in collaborazione con il Laboratorio di eGovernment, Università del Salento.

Per le adesioni è necessario utilizzare l’allegato modulo da restituire all’Agenzia entro il 16 novembre 2010. 

 

 

 

 

 

 

Informazioni sul corso

 

Periodo del corso: 
19 novembre 2010, ore 9,00- 14,00
Sede del corso: 
via botti, 1- Lecce
Codice del corso: 273